ScuolaW

Home Libri I grandi classici ‘IL BAMBINO CON IL PIGIAMA A RIGHE’, UN'AMICIZIA OLTRE IL FILO SPINATO

Font Size

SCREEN

Profile

Layout

Direction

Menu Style

Cpanel

‘IL BAMBINO CON IL PIGIAMA A RIGHE’, UN'AMICIZIA OLTRE IL FILO SPINATO

Negli anni, il complesso e drammatico tema della Shoah è stato scelto da molti registi, tra i quali Mark Herman che nel 2008 ha sceneggiato e diretto ‘Il bambino con il pigiama a righe’ (‘The boy in the Striped Pyjamas’), tratto dall’omonimo romanzo dello scrittore irlandese John Boyne. La vicenda si svolge in Germania durante la seconda guerra mondiale, ed inizia con una scena in cui il protagonista, il piccolo Bruno Hess, saluta i suoi amici perché sta per lasciare Berlino per trasferirsi in campagna con i suoi genitori. Prima di andarsene, la madre di Bruno riceve parenti e amici per festeggiare la promozione di suo marito, un ufficiale nazista. Arrivato nella nuova casa, Bruno, scorge dalla finestra il campo di sterminio di Auschwitz, che lui erroneamente identifica con una fattoria nella quale i contadini portano il ‘pigiama’. La nuova vita, solitaria e monotona, annoia Bruno. La sorella maggiore Gretel, un tempo presa dalle bambole, vivendo a stretto contatto con i soldati di suo padre (in particolar modo al tenente Kurt Kotler, con il quale flirta) e con il suo precettore Herr Liszt, si avvicina alle idee naziste, mentre Bruno, che ha otto anni, vorrebbe solo avere degli amici e giocare. Decide quindi di andare ad esplorare il campo, nonostante gli sia stato vietato di girovagare nei dintorni della casa. Raggiunta la recinzione, conosce un bambino ebreo di nome Shmuel e tra i due ben presto nasce un’amicizia -senza barriere, senza ideologie, senza razzismo- che spinge Bruno ad oltrepassare il filo spinato per compiere un’impresa terribilmente rischiosa: trovare il padre di Shmuel.

Nel film, Bruno ha il volto di Asa Butterfield, mentre Jack Scanlon è il piccolo prigioniero ebreo Shmuel. Vera Farmiga interpreta Elsa, la madre di Bruno, David Thewlis è il padre Ralf, Amber Beattie veste i panni di Gretel e Rupert Friend quelli del tenente Kotler.

La pellicola ha ottenuto diversi riconoscimenti, tra cui il British Independent Film Award 2008 a Vera Farmiga e lo Young Artist Award 2008 ad Asa Butterfield come Miglior Attore giovane.

MATTEO SPADA

IN QUESTO NUMERO

Il 2017 inizia con interessanti novità cinematografiche. Tra queste ‘Allied’, di Robert Zemeckis, con Brad Pitt e Marion Cotillard, una storia di amore e spionaggio durante la seconda guerra mondiale; ‘Assassin’s Creed’ con Michael Fassbender, primo film ispirato ad uno dei videogiochi più famosi del mondo; ‘Arrival’ di Denis Villeneuve, con Amy Adams e Jeremy Renner nei panni di due studiosi alle prese con l’arrivo di astronavi aliene sulla Terra.

Tra le serie più attese, torna dopo un anno ‘Sherlock’: disponibile sulla piattaforma Netflix la quarta stagione che si preannuncia ricca di colpi di scena, con gli inossidabili Benedict Cumberbatch e Martin Freeman.

A teatro arriva sul palcoscenico del Quirino di Roma ‘Filumena Marturano’, commedia di De Filippo interpretata da Mariangela D’Abbraccio e Geppy Gleijeses con la regia di Liliana Cavani, mentre Virginia Raffaele è protagonista del one-woman-show ‘Performance’ al Teatro Brancaccio.

In libreria sono disponibili i libri della saga ‘Fallen’ di Lauren Kate, fantasy young adult di grande successo che torna alla ribalta in occasione dell’imminente uscita del primo film tratto dalla serie.

 

VALERIA GUIDOTTI

Direttore Responsabile ScuolaW Cine-Book-Theatre

Contattaci

 

 

 

 

 

'SCUOLAW CINE-BOOK-THEATRE'

WEB MAGAZINE DI INFORMAZIONE CULTURALE

Anno VIII, n° 2 15 gennaio  2017

Reg. Tribunale Civile di Roma n° 145 del 19/04/2010

Scrivi a: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.